Bagni di sole che diventano bagni di luce



Ho letto tutto il libro con spirito da bagnante: godendomi parole e immagini attraverso le ciglia, con occhi semichiusi e beati. Pensavo che il mio ego letterario fosse soddisfatto, ma dopo ho letto la postfazione della moglie di Carver. Ebbene: ho dovuto rileggerlo daccapo con occhi spalancati. Ed è stato uno stillicidio di luce continua. Non so se riesco a orientarmi tra le stelle, ma a forza di fissare tanta luminosità, adesso vedo impresso su ogni cosa un tondino. E se non è la forma di un'astro, gli assomiglia molto.

1 commento: