Parlare d'amore non parlandone è un'impresa di per sé titanica, ma parlarne discorrendo di automobili è addirittura commovente.

Il tuo racconto sul transatlantico era bello. Dopotutto, io sono un salvadanaio per le tue parole. Tu mi hai raccontato che su una nave del genere si percepisce sempre la sua forza di trazione. Non il movimento in sé, ma proprio la trazione, l'andatura e la potenza dell'andatura. Per un automobilista questo è comprensibile. Tutte le automobili hanno una trazione diversa. Una buona auto fa pressio
ne sulla tua schiena in modo molto piacevole, come il palmo di una mano, e ti spinge. La maggiore attrattiva di una buona auto è la natura della sua trazione, la natura dell'incremento della forza. È una sensazione simile a quella di una voce che sale. La voce-trazione della Fiat sale in modo molto piacevole. Premi il pedale del gas e l'auto ti porta con entusiasmo. Ci sono delle auto che partono con forza, ma rigidamente, in particolare ne ricordo una così, una sessanta cavalli Mitchell. Sull'automobile tutte le sensazioni sono diverse: senti trazione e tranquillità, oppure trazione e malinconia. Ma tutto si basa sulla sensazione del movimento che preme su di te. Non ho mai visto un transatlantico. Ma mi piace e lo capisco. Deve essere molto bello danzare su un pavimento che si muove e, quando i pensieri restano un po' indietro rispetto al movimento(come fa il cuore su un ascensore che scende), baciarsi e pensare.
[Zoo o lettere non d'amore] Viktor Sklovskij


Nel frattempo la blogger vi abbraccia e vi saluta dal suo oliveto, ove da giorni si occupa della raccolta delle olive, delle conchiglie e dei sogni impigliati tra le fronde.





16 commenti:

  1. Eh. Ritrovarti è sempre bello. Ci mancavi, sai, cercatrice di conchiglie?

    RispondiElimina
  2. Oh come ti comprendo, raccoglitrice di olive! A me non capitava da un po’, ma domenica scorsa mi son lasciata impietosire da mia mamma (“Ah quante ne dobbiamo raccogliere, ancora! E non mi aiuta mai nessuno! E poi le previsioni meteo mettono brutto per la prossima settimana…") e sono tornata in Ciociaria, tra le olive inerpicate in collina, a guadagnarmi i miei pochi litri d’olio.
    Non che raccogliere le olive mi disturbi, tutt’altro… È quel ciarlare tra confinanti di fatti altrui che m’infastidisce. Raccogliere in silenzio aiuterebbe corpo e spirito.
    Un abbraccio spugna ritrovata.

    RispondiElimina
  3. Tra le fronde e le frasche... riuscirò ad avere una bottiglia di olio per lo meno? :-)
    non di sogni, quelli ne ho un mucchio anch'io

    RispondiElimina
  4. Nei nostri oliveti si sta abbastanza tranquilli, ma quel chiacchiericcio di cui parli lo ritrovo in dosi massicce al frantoio, dove tutti chiacchierano urlando per sovrastare il rumore delle macchine, e da dove esco ogni volta rintronata e col mal di testa. :) Che brava tua mamma che ti manda messaggi subliminali, a me invece, in campagna mi ci mandano proprio senza preamboli. :D

    RispondiElimina
  5. @Paolo, eccerto che ce n'è anche per te. Prepara i bidoni che te ne mando una trentina di litri :D

    RispondiElimina
  6. Bella la citazione, bellissimo l'uliveto.A proposito : non faresti a cambio con un pò di Milano, smog,tran tran quotidiano, fragranze da autobus e buon senso da bar ? Se può interessare, citofanare Nick, ore pasti :)

    RispondiElimina
  7. ...dalle mie parti gli ulivi li ha piantati Ulisse, e dicono che siano pieni di ricordi e contorti e immensi. I tuoi sono più belli, ci sono le olive da raccogliere

    RispondiElimina
  8. no, niente... qui ci sono 7 gradi e piove quasi tutti i giorni

    RispondiElimina
  9. ullallà, la raccolta delle olive! :)
    a differenza del passato, quando prono mi chinavo per raccoglierle, quest'anno mi hanno messo uno scuotitore sulle spalle per far cadere le olive dai rami.
    Una promozione, insomma.
    Sembravo il Dottor Peter Venkman alle prese con minuscoli ectoplasmi: fico!
    Solo che quell'affare lì vibra di molto, e ho gli arti superiori ancora tremolanti: vabbé ne approfitterò per fare zabaioni e manionese in quantità.
    Ps. se devi sostituire la cartuccia della stampante fai un fischio! ;)

    RispondiElimina
  10. ho letto che la raccolta delle olive non valeva come scusa per votare domenica scorsa alle primarie del centrosinistra - e mi sono detto, vuoi vedere che Noce...
    :-)

    RispondiElimina
  11. La raccolta delle olive tutto ok?
    Siete un po' in ritardo o sbaglio?
    Ci sono talmente tanti modi di parlare d'amore, che anche il silenzio può esssere un ottimo viatico!

    RispondiElimina
  12. Hai visto, si può pure scrivere ancora qualche altra sciocchezza per chissà quanto tempo...:))bw

    RispondiElimina
  13. blog piacevole
    che reflex/obbiettivi usi?

    RispondiElimina
  14. Una richiesta amorosa fatta parlando di motori , trazioni ed altro, mi distrarrebbe proprio dallo scopo primario...ma ognuno ha i propri gusti...
    Vuoi mettere un bell'oliveto, le conchiglie e i pensieri tra le fronde?

    RispondiElimina
  15. Ma che bello questo blog ! mi ci sono ritrovato per caso, cosi come capita quando giri per le strade di una città che non conosci e vagando tra i vicoli ti imbatti in un piccolo ristorante avvolto da invitanti profumi di buona cucina. Sbirci tra i vetri e l'atmosfera ti piace, Guardi il menù e ti viene fame. Entri e ti senti a casa.... Serendipity !

    GRAZIE !

    RispondiElimina
  16. Nocina, tutto bene? Sento la tua mancanza ma ti penso anche perchè, grazie a te, oggi ho iniziato a leggere "Stoner".
    Un caro saluto!

    RispondiElimina